Vai al portale di ateneoTorna alla Homepage

Registrazione
dell'incontro del 10 maggio 2016.
Dpartimento d Economia "Marco Biagi"

  Prima parte        Seconda parte

 

Vittorio Foa, scomparso nel 2008, molto noto a Modena per l'impegno che profuse nella nascita nel 1968 di quella che è stata la Facoltà di Economia e Commercio, ora Dipartimento di Economia "Marco Biagi" di Unimore - Università degli Studi di Modena, e tra le più influenti figure politiche del dopoguerra, è stato dedicato un incontro nel quale è stata presentata l'opera: "Vittorio Foa. Discorsi parlamentari 1947 – 1988" (Ed. Camera dei Deputati, 2014).
Ad illustrare questa antologia, che consente di cogliere lo spessore umano e politico di questo auteorevole protagonista erano il prof. Andrea Ginzburg di Unimore, curatore dell'introduzione del volume, il prof. Giorgio Fodor, docente di Economia Internazionale all'Università di Trento, ed il prof. Paul Ginsborg, docente di Storia dell'Europa Contemporanea all'Università di Firenze. Ha presieduto l'incontro il prof. Francesco Cavazzuti, docente di Diritto Commerciale dell'Università di Bologna.
"Nella sua lunga vita Vittorio Foa - afferma il prof. Massimo Baldini di Unimore - ha svolto doversi ruoli e sempre di primo piano: politico, sindacalista, storico, docente. Con questo incontro il Dipartimento vuole ricordarne l'attività ed il pensiero. Sarà un'occasione per ripercorrere tanti decenni della storia economica e politica italiana, dal periodo fascista fino ad anni molto vicini a noi". 

 

Vittorio Foa

Discorsi parlamentari (1947 – 1988)
Introduzione a cura di
Andrea Ginzburg

Edizioni Camera dei Deputati, Roma 2014
[Disponibile in Biblioteca: A.10937 + cd rom]

Sono intervenuti:

Giorgio Fodor
(professore di Economia Internazionale, Università di Trento)

Paul Ginsborg
(professore di Storia dell’Europa Contemporanea, Università di Firenze)

Andrea Ginzburg
(professore di Politica Economica, Università di Modena e Reggio Emilia)

Ha presieduto:

Francesco Cavazzuti
(professore di Diritto Commerciale, Università di Bologna)

 

 

Il volume raccoglie tutti gli interventi pronunciati all’Assemblea Costituente e al Parlamento da Vittorio Foa. Negli anni 1947-1988 Foa è stato via via parlamentare del Partito d’Azione, del Partito Socialista Italiano, del PSIUP  e della Sinistra Indipendente. In questo lungo arco di tempo, vi sono due interruzioni importanti. La prima, fra il 1948 e il 1953, corrisponde al suo ingresso nel sindacato CGIL;  la seconda interruzione, iniziata nel 1968 (e durata fino al 1987) è associata alla sua convinzione della necessità di separare attività politica e sindacale per favorire l’unità sindacale. Nel 1970 ha lasciato l’attività sindacale. Il periodo che va dal  1970 al 1988 comprende anni di riflessione, di insegnamento di Storia Contemporanea alla facoltà di Economia di Modena e alla facoltà di Lettere di Torino, di attività politica non parlamentare. Nel 1987 è stato eletto senatore nelle liste della Sinistra Indipendente. È morto a Formia nel 2008.

Vittorio Foa è stato allo stesso tempo protagonista e interprete, come saggista e storico, delle vicende del dopoguerra. Attraverso questi discorsi è possibile ripercorrere alcuni momenti salienti della storia economica e politica del dopoguerra: gli interventi nella discussione per la ratifica del Trattato di Bretton Woods,  sul  diritto al lavoro e sul diritto di sciopero, sulla politica economica e industriale dei governi centristi, sulla politica salariale a ridosso del miracolo economico e sui fatti di piazza Statuto a Torino, sulla politica economica dei governi di centro-sinistra, sulla crisi del 1963-64, sulla programmazione, sulla disciplina del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali, e così via. Foa affronta temi che solo in parte, e solo indirettamente, si collegano alla sua attività di sindacalista. I suoi interventi non sono mai estemporanei: rivelano un’intensa attività di studio e di ricerca. Sono spesso caratterizzati, pur nel fermo contrasto di opinioni, da un tono dialogante, ‘alto’, rivolto ai tempi lunghi. 

_________________________________________________________________________________________________________